GLI ACQUISTI EFFETTUATI DAL 12 AL 21 AGOSTO VERRANNO EVASI A PARTIRE DAL 22 AGOSTO

• SPEDIZIONE GRATUITA IN ITALIA PER TUTTI GLI ORDINI OLTRE I 70€ •

• SPEDIZIONE GRATUITA IN ITALIA PER TUTTI GLI ORDINI OLTRE I 70€ •

Produzione e vendita olio extravergine di oliva pugliese

L’olio per neonati perfetto è l’olio EVO

Per scegliere i prodotti per il tuo bambino bisogna stare molto attenti: ecco perché l’olio extravergine d’oliva risolve molti problemi dei neonati

Quando in casa arriva un bambino l’attenzione su quali prodotti si usano in cucina e sulla pelle si alza improvvisamente. E a ragione, visto che i problemi da risolvere e le soluzioni da trovare per il benessere del bambino sono tanti: tra questi bisogna scegliere con cura l’olio per neonati.

Quale olio usare per i bambini?

Quando c’è un neonato in circolazione i genitori ricevono tantissimi consigli e stimoli, spesso non richiesti, da moltissime fonti. I nonni, gli zii, le amiche, le riviste, le trasmissioni televisive, i gruppi su Facebook, i forum, la vicina di casa, tutti hanno un consiglio da dare e tutti, davvero tutti, sembrano saperne più di noi. La verità è che bisogna stare molto attenti a chi, magari in buona fede, ci fornisce i consigli, perché la salute del neonato è nelle nostre mani

Bisogna assolutamente tenere a mente che per qualsiasi aspetto che riguarda la salute del neonato bisogna rivolgersi al pediatra, con cui va costruito un rapporto di fiducia. 

Dunque, quale olio scegliere per la cura e l’alimentazione di un neonato

L’olio extravergine d’oliva è la scelta più sicura per il vostro bambino, perché ha delle caratteristiche che lo rendono più salutare.

Bisogna infatti tenere conto degli studi scientifici, come questa ricerca a cura del dipartimento di pediatria di Pune, in India, che ci dimostra come le sostanze che si trovano nell’olio vengano assorbite dalla pelle dei neonati, anche in quantità importanti. 

Per i neonati dunque l’olio extravergine d’oliva è più indicato perché spremuto a freddo, cioè l’olio viene estratto per mezzo di strumenti meccanici a freddo. Le temperature non superano mai i 27 gradi. Naturalmente per potersi definire davvero extravergine non devono essere usati prodotti chimici per la lavorazione, i frutti vengono raccolti e lavorati al momento opportuno. La differenza l’abbiamo spiegata nel nostro articolo sulla differenza tra olio extravergine d’oliva e gli altri tipi di olio d’oliva.  

L’olio extravergine d’oliva, spesso indicato anche come EVO, è ricco di sostanze antiossidanti e vitamine, più di altri oli e questo grazie alla sua lavorazione e alle caratteristiche dei suoi frutti. Inoltre è in genere prodotto per essere usato in cucina, quindi è più sicuro rispetto ad altri prodotti cosmetici che hanno requisiti di sicurezza e qualità differenti. 

Come idratare la pelle del viso di un neonato?

La pelle dei neonati è davvero delicatissima e a volte non basta usare saponi pensati per loro o solo l’acqua per evitare screpolature. In questo caso l’olio è molto utile per la cura del neonato: dopo il bagnetto si possono usare poche gocce di olio extravergine d’oliva per ammorbidire la pelle del bambino e idratarla. 

L’olio per neonati va anche scelto tenendo conto di un altro fattore: i bambini mettono in bocca tutto, compresi manine e piedini. A maggior ragione l’olio si può usare sul viso del bambino.    

Cosa mettere sull’irritazione da pannolino?

L’olio extravergine d’oliva di nuovo ti aiuta nel caso in cui il tuo bambino abbia una irritazione da pannolino: essendo leggermente analgesico e antinfiammatorio, l’olio può essere usato anche in questo caso. 

Anche nel caso tu voglia eliminare la crosta lattea l’olio per neonati adatto è sempre quello d’oliva, rigorosamente EVO. 

Se stai cercando un olio per il massaggio al tuo neonato ecco la risposta: agli indubbi benefici, per genitore e bambino, di questo momento aggiungiamo anche le proprietà emollienti e non solo dell’olio d’oliva. 

Che tipo di olio va usato per lo svezzamento?

Se con la pelle dei bambini bisogna essere accorti, con lo svezzamento e le pappe non si può sbagliare. 

Intorno ai 6 mesi inizia quello che viene definito svezzamento, cioè il passaggio dal latte al cibo solido.

È un momento importantissimo perché uno svezzamento felice significa contribuire a far crescere un bambino sano, che più probabilmente un giorno diventerà un adulto sano. Per cui, che tu scelga l’autosvezzamento o meno, l’importante è che la dieta sia varia, sana e affine a quella della famiglia e della cultura di appartenenza. 

Dunque l’olio più indicato per lo svezzamento dei neonati è di nuovo l’olio extravergine d’oliva: ai motivi indicati sopra, ci aggiungiamo anche quelli del gusto. Un bambino che mangia cibi saporiti, gustosi ma sani, sarà più invogliato a partecipare a quel grande gioco che è imparare a mangiare bene, con gusto e con piacere. 

In più l’olio EVO ha un altro vantaggio: se il tuo bambino soffre di stitichezza usare l’olio può aiutarlo a ritrovare la sua regolarità

Basterà aggiungerne qualche goccia o cucchiaio alle pappe o al biberon: l’olio extravergine d’oliva diminuirà l’acidità gastrica e allevierai i sintomi della stitichezza. 

Insomma l’olio extravergine d’oliva per i neogenitori è davvero un alleato potente e se usi questo olio per il tuo neonato non avrai bisogno di acquistare decine di prodotti che, per quanto controllati e dedicati, non saranno mai sani quanto l’olio d’oliva. 

Insieme alla culla e alle tutine, vale la pena inserire l’olio extravergine d’oliva nella lista-nascita

E se poi devi fare un regalo a dei neo genitori, tanto vale farlo con stile e portare un po’ di colore in casa con un bell’orcio arcobaleno pieno d’olio extravergine d’oliva. 

Perché a stare bene si impara da piccoli, anche scegliendo l’olio per neonati perfetto. 

Magazine

ALTRE buone nuove

Gli spaghetti sono un simbolo della cucina italiana: scopriamo insieme le ricette per rivisitarli con gusto con l’olio extravergine Gli...
Le varietà di peperoncino sono tantissime. Ecco alcuni tipi di peperoncino dal diverso grado di piccantezza. Quale sarà il migliore...
Come utilizzare la zucca avanzata in cucina?  Potete abbinarla all’olio evo in molte ricette. Scopriamole insieme La zucca, si sa,...