Aceto Balsamico Giusti e olio Frantoio Muraglia

Un connubio destinato a lasciare il segno. Un incontro straordinario che coinvolge sensi, gusto e tradizione. Una commistione guidata dalla passione che vede protagoniste due famiglie che, di generazione in generazione, hanno scritto la storia delle eccellenze gastronomiche italiane nel nome della qualità.

E c’è una nuova pagina tutta da scrivere: noi di Frantoio Muraglia in collaborazione con l’Acetaia Giuseppe Giusti abbiamo dato vita al legame tra il miglior olio extravergine pugliese e il miglior aceto balsamico di Modena.

ll risultato? Un prodotto eccezionale che incarna lo spirito armonico dell’Italia, da nord a sud e realizzato con tecniche antiche e naturali. Un’intesa perfetta nata dalla ricerca, dal confronto, dalla riflessione e dalla condivisione di valori comuni. 

Il trait-d'union che ha sigillato la nascita di questo tesoro? L’amore per la propria terra e per la nostra attività ereditata da padre in figlio da secoli. Ma al primo posto c’è un unico desiderio, un’ambizione ci ha animati come un fuoco sacro: offrirvi un prodotto unico nel suo genere a cui sarà impossibile resistere e rinunciare nei momenti più significativi. Quelli che vengono celebrati a tavola accanto alle persone amate.

L’aceto balsamico di Modena Giusti: una storia lunga 17 generazioni

L’aceto balsamico di Modena Giusti si porta dentro una storia antica. Una storia di famiglia che si intreccia alle vicissitudini della nostra penisola nel corso dei secoli. 

L’acetaia modenese è stata fondata nel 1605 da Giuseppe Giusti che di mestiere faceva il salumiere e si dedicava anche alla gastronomia tipica del territorio. In particolare amava occuparsi della produzione dell’aceto balsamico.

L’imprenditore aveva una piccola collezione di botti all’interno delle quali preparava “l’oro nero” di Modena destinato a conquistare i palati della città e di tutto il mondo. Infatti, la bottega divenne un punto di riferimento, tutti volevano assaggiare questo nettare prelibato. E così, la salumeria si trasformò una piccola grande azienda simbolo del Made in Italy.

Nel 1800 la famiglia Giusti esportò l’aceto balsamico in esposizioni nazionali e internazionali tra cui Bruxelles, Vienna, Firenze, Parigi. Queste mostre hanno premiato la qualità del prodotto con 14 medaglie d’oro. Ma non solo. È stato scelto dal Duca di Modena e da alcuni Papi della Chiesa Romana. Nel 1929 la casa reale di Savoia ha concesso all’azienda lo stemma del Re d’Italia, eleggendo la famiglia Giusti come fornitore ufficiale.

Oggi l’azienda Giusti è condotta dalla diciassettesima generazione fedele alla tradizione ma aperta a sperimentazioni e innovazioni. Continua a collezionare successi nazionali e a diffondere all'estero - in circa 50 paesi - l’aceto balsamico di Modena. Secondo il best seller internazionale “101 Things to Buy Before you Die” è una delle delizie da assaggiare assolutamente.

L’acetaia più antica d’Italia: un tesoro di legni che dona grande qualità

L’acetaia Giusti è la più antica al mondo. All’inizio si trovava nel sottotetto dell'elegante palazzo signorile che ospitava la bottega. Poi, le crescenti richieste e la volontà di perfezionare la produzione dell’aceto balsamico di Modena hanno spinto la famiglia ad ampliare i propri spazi: l’acetaia viene spostata fuori dal centro storico della città.

Nasce così il Gran Deposito: tutte le 600 botti della collezione di famiglia vengono trasportate nel solaio di un antico casolare abbracciato dalle campagne modenesi. Questo tempio dei buoni sapori italiani ospita barili plurisecolari che risalgono al 1700, 1800 e 1900.

Un tesoro di legni che permette al liquido ambrato di maturare e invecchiare nel modo migliore possibile. E soprattutto secondo i metodi tradizionali e genuinitramandati di generazione in generazione. La produzione vede protagonisti l'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP e l’Aceto Balsamico di Modena IGPche si divide in cinque qualità.

Ogni membro della famiglia - attualmente al timone ci sono Claudio, Luciano e Francesca - cura con passione questo gioiello con la stessa dovizia dei predecessori. Non è certo un caso se gli strumenti per fare l’aceto balsamico di Modena siano gli stessi del passato.

Le fasi di realizzazione prevedono un lungo e scrupoloso lavoro fatto a mano caratterizzato da tecniche e segreti che solo una famiglia di esperti acetieri può conoscere. Ed è proprio questo il segreto di un sapore inimitabile e unico.

Il Gran Deposito di Lesignana ha aperto le sue porte al pubblico perché la storia e la tradizione creata dalla famiglia Giusti deve essere patrimonio di tutti: nell’acetaiasi svolgono rappresentazioni teatrali, concerti, laboratori per bambini ai quali viene raccontata la ricetta dell’aceto balsamico di Modena Giusti.

L’Aceto Balsamico di Modena: Il Classico

Il Classico è l’emblema e il pilastro intorno al quale è nata e si è sviluppata l’azienda Giusti. L’aceto balsamico tradizionale - premiato con due medaglie d’oro - evoca note di frutta matura e dolce che si mescolano a sentori di pepe nero e liquirizia.

Questa delizia fu realizzata secoli fa da Giuseppe Giusti seguendo la sua ricetta originale. Il capostipite ha, infatti, indicato tre principi fondamentali per ottenere l’aceto balsamico migliore:

La perfezione degli aceti detti Balsamici di Modena dipende unicamente da tre condizioni, cioè dalla scelta delle uve, dalla qualità dei recipienti e dal tempo".

Queste condizioni danno vita a Il Classico preparato con ingredienti di prima scelta: aceto di vino invecchiato e mosto di uve cotto. L’equilibrio perfetto dei sapori e profumi è dato dalle botti e barriques di rovere.

Queste caratteristiche lo rendono l’abbinamento ideale per guazzetti di mare, salse agrodolci che accompagnano filetti di carne, formaggi, salumi, piatti a base di pesce, carni bianche, insalate e aperitivi.

Questo aceto balsamico di Modena IGP assume un ruolo di primo piano a tavola: elegantemente custodito nella bottiglia champagnotta diventa icona di stile e sobrietà.

L’incontro tra il Fruttato Medio di Frantoio Muraglia e l’Aceto Balsamico Giuseppe Giusti

Il gusto avvolgente e agrodolce dell’Aceto Balsamico Classico si fonde con la delicatezza del Fruttato Medio ottenuto dalla varietà di Peranzana, creando una delizia che accarezza il palato.

La sensazione? Un’esperienza gustativa d’impatto con un retrogusto morbido. Il prodotto sprigionerà un bouquet di profumi intensi e carezzevoli allo stesso tempo. A completare il quadro il perfetto equilibrio tra i colori dei due prodotti che si trasformerà in una gioia per gli occhi: un abbraccio tra l’oro e l’ambra.

Senza dimenticare che, acquistando l’olio extravergine di oliva all’aceto balsamico, avrete benefici per la salute. Infatti, sia l’extravergine che l’aceto balsamico tradizionale contengono antiossidanti grazie all’elevata concentrazione di polifenoli. Queste sostanze rafforzano il sistema immunitario e combattono i radicali liberi, rallentando i processi di invecchiamento.

Se volete sperimentare nuovi sapori restando fedeli alla tradizione della cucina italiana acquistate questa bontà nel nostro e-shop. Iniziate il vostro viaggio nel gusto, sentendovi parte di un’unica grande famiglia.