I Panini li fa Max con l'olio di Frantoio Muraglia

Panini gourmet ed eccellenze italiane

Un panino è sinonimo, nella nostra cultura gastronomica, di un pasto veloce, da portare a scuola, in una gita fuori porta o al lavoro, sempre con il desiderio tipicamente italiano, di mangiare bene anche quando non abbiamo il tempo o l'occasione per sederci a tavola e mangiare in un piatto.

 

I panini, però, non sono tutti uguali e noi italiani, che, bisogna ricordarlo, siamo gli inventori del tramezzino, lo sappiamo bene! Usare il pancarrè non è la stessa cosa che tagliare a metà una fragrante pagnotta artigianale o affettare un pane di grande formato dal sapore contadino, magari con farine integrali, non è come usare un soffice pane arabo. Sulle farciture, poi, ci si sbizzarrisce da nord a sud della Penisola con abbinamenti tradizionali di sicuro gusto, ma anche con guizzi di creatività che spezzano la monotonia. 

 

I salumi e i formaggi sono gli assoluti protagonisti dei panini più energetici, in grado si sostituire un pasto o di rendere una pausa particolarmente nutriente e piacevole, mentre le verdure, crude e cotte, danno freschezza e croccantezza e costituiscono un'alternativa più leggera e sana. Difficilmente in un panino salato, poi, un filo di buon olio evo, come i nostri del Frantoio Muraglia, può essere fuori posto e, anzi, per molti di noi una fetta spessa di buon pane con olio e sale è una gustosa abitudine anche per aprire un pasto, oltre che per fare una gradita pausa.

 

L'Italia è così ricca di eccellenze nella panificazione, nella produzione di salumi e di formaggi oltre che, e qui giochiamo in casa, di olio d'oliva che si possono creare panini tradizionali o gourmet con la certezza di ottenere risultati di grande effetto e di sicura soddisfazione per il palato.

 

I Panini li fa Max

 

L'idea di dare ricette per panini gourmet basati sui prodotti italiani di eccellenza è al centro di un bel programma televisivo, trasmesso dalla rete Gambero Rosso HD e disponibile sulla piattaforma Sky, condotto dallo chef romano Max Mariola. In ogni puntata il vulcanico Max ci propone abbinamenti interessantissimi tra pani artigianali e prodotti che sono parte del patrimonio gastronomicoitaliano, tra cui non potevano mancare gli olii evo di Frantoio Muraglia

 

Si tratta, non c'è dubbio, di panini d'eccezione, frutto della creatività di un grande chef, ma lo stile di Max Mariola è anche semplice e pratico, per realizzare concretamente e rapidamente uno spuntino nutriente e gustoso, che abbia il sapore unico dei nostri territori.

 

In un certo senso, la trasmissione I Panini li fa Max si può vedere come un viaggio gastronomico attraverso l'Italia in cui ad ogni tappa si cercano abbinamenti stuzzicanti per prodotti delle diverse realtà regionali e locali. In molti di questi panini, però, la presenza dell'olio extravergine d'oliva pugliese del Frantoio Muraglia rappresenta un tocco di gusto e aroma della Puglia che va ad esaltare i sapori di territori spesso molto distanti dal nostro, a riprova del fatto che la fragranza unica dei nostri prodotti si sposa benissimo con ingredienti provenienti da ogni parte d'Italia, e non solo!

 

I profumi e i sapori di Parma con una goccia di Puglia

 

Nella prima puntata de I Panini li fa Max, lo chef Max Mariola ci porta nella provincia di Parma, ossia in uno dei territori italiani più ricchi di prodotti enogastronomici di altissima qualità e fama – ammesso che si possano fare classifiche di questo tipo in Italia, dove l'eccellenza alimentare è davvero ad ogni angolo –. 

 

L'idea è quella di fare un panino gourmet che esalti il sapore del culatello di Zibello, uno dei grandi protagonisti tra i salumi italiani, utilizzando altri prodotti del territorio parmigiano e anche l'olio d'oliva extravergine denocciolato del Frantoio Muraglia ottenuto dalle olive coratine dei nostri uliveti.

 

Per accompagnare il culatello Max Mariola ci propone un formaggio caprino del territorio, delle pere da cuocere leggermente e degli spinaci che daranno colore e croccantezza. Ad accompagnare il tutto, poi, un buon mosto d'uva fermentato della val di Taro, un'altro prodotto tipico del territorio parmigiano, frutto di una lunga tradizione contadina e ottimo abbinamento con i sapori intensi dei salumi.

 

Il nostro olio evo denocciolato di coratina entra in scena nella cottura in padella degli spinaci freschi che devono essere ripassati nell'olio, senza aggiunta di acqua, per mantenere la propria consistenza e incorporare l'aroma del nostro prodotto al meglio.

 

Perché il denocciolato di coratina?

 

L'olio di oliva coratina è, per la natura stessa del frutto da cui viene ottenuto, particolarmente sapido e strutturato, con un carattere deciso e un aroma molto intenso. La lavorazione dell'olio evo denocciolato, però, prevede di separare la polpa delle olive dai noccioli prima dell'operazione di frangitura, privando così il prodotto dei tannini e dei polifenoli presenti nel nocciolo del frutto e dando un tono più delicato all'olio.

 

Produrre un olio d'oliva denocciolato usando la varietà coratina delle olive pugliesi è, senza dubbio, una tecnica in grado di farci raggiungere un ottimo compromesso tra il sapore corposo e il carattere deciso della coratina e la delicatezza che è propria degli olii denocciolati. Si ottiene così un olio evo pugliese equilibrato che diventa un alleato preziosissimo in cucina quando si vogliono accompagnare pesce o verdura al vapore senza sovrastarne il sapore o, come nel panino con culatello, pere e caprino di Max Mariola, cuocere verdure fresche, come gli spinaci, con delicatezza, ma senza rinunciare ad arricchirle con l'aroma inconfondibile dell'oliva coratina.

 

Da I Panini li fa Max possiamo imparare, di puntata in puntata, l'utilizzo dei prodotti del Frantoio Muraglia in abbinamento a tanti prodotti di eccellenza del nostro Paese con gli accostamenti pensati da un grande chef, sempre ricchi di creatività e di equilibrio.