OLIO BIOLOGICO

solo da di olive ottenute da agricoltura biologica

Si dice bio per dire vita. Per dire salute e patto di sorellanza con la Terra. Abbiamo puntato al cuore delle cose lavorando per sottrazione e per biomimesi: semplicemente abbiamo fatto come fa la natura, concependo un prodotto dalle proprietà organolettiche uniche e totalmente chemical free a partire dal lavoro nei campi.
Bio rappresenta la risposta a un bisogno crescente e collettivo di benessere anche e soprattutto nell’alimentazione. La scienza ha svelato la relazione a filo doppio fra salute e cibo, una platea sempre più ampia e informata di consumatori chiede qualità, rispetto e sicurezza. Ci prendiamo cura dei 40 ettari di terreni olivetati nelle campagne di Andria, nell’altopiano della Murgia, senza ricorrere a prodotti di sintesi, siano essi concimi chimici o antiparassitari. Il risultato è unico anche sul piano del gusto, frutto di una produzione che chiude il ciclo con la raccolta delle olive a mano e la spremitura a freddo.
BIO: Un olio come natura comanda.

Leggi l’articolo sull’olio biologico

UNA DELLE DOMANDE PIÙ FREQUENTI CHE RICEVO È “QUANTO TI È RIMASTO DELLA PUGLIA?”.

Il profumo del mare, il maestrale sul viso e il sale che quasi graffia quando a piedi si ritorna a casa dopo una giornata di mare. E il cibo, l’olio… ricordo il rito che precedeva il pranzo: io e mia sorella con una brocca e il mestolo prendevamo l’olio giusto per condire l’insalata, la carne e, a volte, ne mettevamo un po’ sulla mozzarella.
Quando aprivamo il bidone, arrivava questa zaffata quasi piccante di quest’olio verdissimo. Mio padre lo chiamava l’oro verde.
Oggi questa passione per l’olio mi é rimasta. Consumo una quantità di olio notevole perché oltre a quello necessario ai ristoranti, lo uso per la produzione del nostro pane e sono orgogliosa di dire che l’olio usato al forno e in cucina é lo stesso che servo in sala. Per me l’olio é sacro e chiunque mangi il nostro pane dice che… si sente!
Il mio cuore, ovvio, nella scelta va sempre più spesso a sud che a nord e l’olio di Savino mi ha travolto. Il suo é un olio perfetto per cucinare, soprattutto cotture brevi, e usare a crudo. É delicato, elegante, timido il giusto, sa rispettare, accompagnandolo, l’ingrediente nel piatto. Ormai per me non può esistere una zuppa di ceci (di cui vado ghiotta) senza IL SUO OLIO FRUTTATO.

Cristina Bowerman, chef ristorante “Glass Hostaria” – Roma
1 stella Michelin